Candele Giapponesi – Grafici Candlestick – Le Basi

Il trading con opzioni binarie può diventare una fonte importante di soddisfazioni finanziarie. Trattandosi tuttavia di un’attività piuttosto rischiosa è importante partire informati e preparati. È indispensabile conoscere gli indicatori principali e saper leggere i grafici per riconoscere i trend di mercato e le opportunità di investimento.

Un tipo di grafico che si usa nel trading con le opzioni binarie e che descrive meglio le fluttuazioni dei prezzi è il grafico Candlestick oppure grafico a Candele Giapponesi.

Cosa sono le Candele Giapponesi?

Con la locuzione candele giapponesi (candlestick) si indica una modalità di visualizzazione dei dati in un grafico, simile a quella del grafico a barre, che offre – però – un maggior numero di informazioni in un formato sintetico.

Per costruire un grafico a candele sono necessari i valori di apertura, massimo, minimo e chiusura (Open, High, Low, Close ovvero OHLC nella sigla in inglese) dell’asset negoziato.

candele-giapponesi-guadagnogreen

I grafici Candlestick si chiamano anche candele giapponesi perché furono utilizzate per la prima volta nel Giappone nel XVIII secolo per prevedere l’andamento dei prezzi del riso. Già all’epoca esistevano dei contratti a termine che avevano lo scopo di unire le esigenze di chi produceva e chi commerciava.

Oggi le candele giapponesi rappresentano il metodo di visualizzazione grafica più utilizzato dai trader.

L’analisi Candlestick può essere tranquillamente affiancata ad altre forme di analisi tecnica, anzi, spesso può risultare utile per cercare di interpretare al meglio l’andamento dei prezzi. Nel Candlestick per rappresentare l’oscillazione del prezzo nell’unità di tempo (che può andare dal singolo minuto fino ad un mese) si utilizza una figura chiamata Candle-Line.

La Candle-Line è formata da un corpo centrale definito Real-Body (corpo reale), il quale indica l’escursione di prezzo tra l’apertura e la chiusura, e le Shadows (ombre), singole linee sottili che rappresentano i prezzi massimi e minimi del lasso di tempo prescelto, rispettivamente Upper Shadow (ombra superiore) e Lower Shadow (ombra inferiore). Come per il grafico a barre quindi sono necessari i valori di apertura, massimo, minimo e chiusura.

Il corpo della candela può essere nero (oppure rosso) o bianco (oppure verde): si ha un corpo nero (rosso) quando la chiusura è inferiore all’apertura e quindi caratterizza una giornata con andamento negativo, mentre un corpo bianco (verde) ci indica una giornata al rialzo con un prezzo di chiusura superiore a quello di apertura.

Formazioni principali

Esistono anche delle specifiche formazioni di candele. Ogni formazione di candele rappresenta la psicologia del mercato in un suo particolare momento, riflettendo in essa l’atteggiamento di numerosi operatori. Il fatto che l’essere umano reagisca sempre allo stesso modo a determinati tipi di situazioni fa sì che l’analisi delle candele sia molto utile per generare segnali statisticamente affidabile. Il maggior numero di formazioni di candele sono di inversione, tuttavia ne esistono alcune che segnalano possibilità di continuazione.

Continua…

Se trovi questo articolo utile, lasciaci un commento e condividi con i tuoi amici! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *