come-monetizzare-il-blog-con-la-compravendita-di-contenuti

Come monetizzare il blog con la compravendita di contenuti – SeedingUp

Quando il nostro blog/sito web è finalmente in piedi, ha un certo numero di visite (followers) e viene aggiornato costantemente, sorge una domanda molto importante per chiunque si fosse mai impegnato a rendere il suo spazio sul web attraente e visibile: come monetizzarlo? Ovvero, in che modo possiamo guadagnare con il nostro blog?

Le modalità sono diverse ed eccone alcune:

  • pubblicità online (ad esempio Google AdSence);
  • programmi di affiliazione, disponibili a seconda della nicchia di mercato che il nostro blog/sito web rappresenta;
  • compravendita di contenuti e links testuali.

Per quanto riguarda l’ultima modalità, l’opzione migliore è affidarci ad un esperto, come ad esempio la piattaforma SeedingUp.

Cos’è SeedingUp?

SeedingUp | Digital Content Marketing

SeedingUp è un’agenzia di pubblicità, con sede in Germania, ed è il fornitore leader in Europa di Content Marketing su blog e siti news redazionali, realizzazione di contenuti e commercializzazione.

SeedingUp è la piattaforma di blog marketing che consente proprio di vendere diversi tipi di contenuto ad aziende interessate ad acquistare visibilità sul nostro sito o blog.

SeedingUp è presente sul mercato online da molto tempo, prima conosciuta con il nome Teliad, ma recentemente ha saputo stare al passo coi tempi, sviluppando la piattaforma ed estendendola: prima si occupava solo di link building, quindi vendita di backlink, oggi questa pratica è ancora diffusa, ma nel marketing online è fondamentale dare importanza anche ai contenuti complessi come gli articoli sponsorizzati.

La piattaforma è disponibile in italiano, inglese, tedesco, francese e spagnolo.

Come monetizzare il proprio blog con Seeding up?

guadagnare-guadagnogreen

Per chi dedica tanto tempo e passione al proprio blog, quello del guadagno è un capitolo molto importante, e qui di seguito troverete alcune idee interessanti per poter sfruttare la vostra visibilità sul web.

Grazie a SeedingUp si possono vendere link in ogni sezione del proprio sito, ed inoltre, tramite la piattaforma è possibile vendere contenuti come blog post, ossia articoli espressamente dedicati contenenti testo, video, immagini, infografiche e tanto altro.

Attraverso SeedingUp è possibile anche commercializzare pagine Facebook, i feed di Twitter o canali Youtube (Social Seeding).

Questo è l’elenco completo delle opportunità di guadagno offerte dalla piattaforma SeedingUp:

  • Blog post – articoli redatti dai publisher (tu) in base alle indicazioni degli advertiser. Essi verranno trasmessi nell’ambito della richiesta di prenotazione. L’articolo può contenere fino a 5 backlink a prenotazione. Spesso i blogger permettono l’upload di file d’immagine e/o video che vengono integrati nell’articolo. In pratica ti viene chiesto di pubblicare un articolo sul tuo blog, contenente dei link, delle immagini e/o dei video dell’advertiser.
  • Pubbliredazionali (advertorial) – articoli redatti dall’advertiser che vengono pubblicati sul blog tematicamente rilevante del publisher (tuo blog). Tutti i contenuti, quindi i testi ed eventualmente le immagini e i video, vengono predefiniti dall’advertiser e ripresi dal publisher (che saresti tu).
  • Video marketing – prenotato dagli advertiser, che hanno a disposizione il loro messaggio di marchio sotto forma di video divertenti. Il video viene di solito ospitato da un fornitore esterno o dall’advertiser stesso e pubblicato dal publisher come articolo per blog.
  • L’Infografica, che spiega uno stato di cose complesso in modo chiaro. Per questa ragione viene volentieri condivisa e diffusa. Le infografiche possono rappresentare messaggi relativi al marchio.
  • Comunicati stampa – adatti alla diffusione di novità di prodotto e news aziendali che vengono pubblicate come testo. Il testo dell’articolo è completamente prestabilito dall’advertiser.
  • Digital news – articoli che vengono pubblicati nelle edizioni online di giornali, riviste ed altri servizi di alto livello nel settore dei media. Queste hanno una portata particolarmente ampia e, di conseguenza, un collegamento nei social network particolarmente buono.
  • Social Seeding nei social network Facebook e Twitter – questo ha lo scopo di aumentare la portata di qualsiasi sito web con un breve post, che sarà pubblicato su un tuo canale social. Il post contiene l’URL di destinazione specificato dall’advertiser e, se desiderato, degli hashtag. Il post raggiunge in primo luogo i follower dei tuoi profili social in modo da poter evitare dispersione in caso di prenotazioni tematicamente rilevanti. In secondo luogo, il contenuto interessante e informativo verrà condiviso nei social network in modo rapido, così da poter utilizzare il Social Seeding come uno scatto per una campagna di marketing online virale.

Inoltre è anche possibile guadagnare con il proprio account di YouTube, oppure inserendo un backlink dell’advertiser (all’interno dei blog post, a destra, a sinistra oppure a pie di pagina). Nell’ultimo caso si viene pagati mensilmente – è come concedere in affitto un piccolo spazio sul proprio sito web.

Direttamente dalla tua dashboard puoi scaricare una guida dettagliata in pdf, che ti spiegherà come funziona la piattaforma. Se hai qualche domanda, puoi anche contattare il supporto clienti attraverso e-mail oppure per telefono. Troverai tutte le informazioni necessarie all’interno del tuo account.

Come funziona la piattaforma?

La registrazione per i publisher (i blogger che vogliono guadagnare con il proprio blog) è gratuita e senza impegno. Dopo la registrazione si ha pieno accesso al pannello di controllo.

La piattaforma è pensata per fare incontrare al meglio domanda ed offerta: i publisher, dopo essersi iscritti possono inserire le varie tipologie di offerte. Il prezzo delle offerte può essere liberamente impostato entro un range che viene fornito da SeedingUp in automatico, dopo aver analizzato i fattori determinanti nell’elaborazione del giusto prezzo per la vendita di contenuti (come ad esempio l’età del sito web, il rank di Google, il numero dei followers del canale social ecc.).

Le offerte sono anonime: riportano la descrizione e l’argomento del blog in questione, senza link diretto al dominio e spazio web. Chi vuole acquistare articoli, link o altro accede al pannello di controllo e imposta il prezzo che si vuole spendere e le caratteristiche richieste: in questo modo domanda ed offerta coincideranno perfettamente.

I passi da seguire sono:

  • Inserire le offerte attraverso il proprio account gratuito.
  • Ricevere richiesta di prenotazione dell’offerta (è possibile già dopo un paio di giorni, si può ricevere anche un rifiuto). Ecco ad esempio una prenotazione, che ho ricevuto per una mia pagina Facebook relativa ad un sito web dedicato al benessere. Si trattava semplicemente di pubblicare un link inerente alla nicchia del mio blog.
  • Elaborare la richiesta di prenotazione (ad esempio pubblicando l’articolo o il link richiesto).
  • Ricevere il compenso attraverso pagamenti sicuri: l’importo minimo di pagamento su SeedingUP è di 4 euro e puoi scegliere fra PayPal, Skrill oppure bonifico bancario.

SeedingUp è una piattaforma che può offrire un potenziale di guadagno importante, tuttavia è importante avere un sito web e dei profili social ben avviati. Nel caso contrario si rischia di dover attendere troppo per una prenotazione.

Un altro consiglio che mi sentirei di dare è di non “gonfiare” troppo il prezzo richiesto. È possibile usare il loro calcolatore online per definire un range preventivo, ma è sempre meglio mantenersi verso il prezzo più basso.

Un’altra opportunità di guadagno su SeedingUp e l’affiliate marketing. Puoi promuovere la piattaforma e ricavare 8% dai guadagni delle persone che inviti ad iscriversi (referrals). Non male, vero?

Se pensi che questa piattaforma può fare al caso tuo, clicca sul bottone sottostante per iscriverti gratuitamente e fare un giretto.

signature

Se ti è piaciuto questo post, condividilo con i tuoi amici e lasciami un commento. Grazie di cuore!

Lascia un commento